home page UN.I.C.A. taxi Bologna

LEGISLAZIONE | BOLOGNA | STUDI ECONOMICI | NEL MONDO | SERVIZIO | TARIFFE | UTILITA' | LINKS |  E-MAIL 

AUTHORITY | ABUSIVISMO | INNOVAZIONE | STATUTO | LIBERALIZZAZIONE | CDS

> TARIFFE

 

 

 

scarica la tariffa dell'area sovracomunale bolognese in vigore dall'8 maggio 2008  78 KB

LE TARIFFE SONO FISSATE DAL COMUNE DI BOLOGNA

Per informazioni e reclami rivolgersi al Comune di Bologna 

Polizia Municipale Uff. Taxi e N.C.C. via Enzo Ferrari n. 42 tel. 051 2195207/08  fax 051 2195209

 

 

 

 

CARSPRING RICERCA 2017

I dati sono stati raccolti dal sito ufficiale di ogni città (ove disponibili).

In alcune città, i prezzi variano a seconda del momento della giornata, dalla lunghezza del viaggio e dal numero di persone trasportate. In questi casi, hanno preso in considerazione il prezzo medio. Alcuni prezzi medi possono variare in quanto in alcune città le tariffe variano a seconda del tipo di auto.

La tabella finale si basa sul prezzo di una corsa di 3 km. 

Hanno calcolato il prezzo di una corsa di 3 km all'interno della stessa zona (viaggio all'interno della città) ed un minuto di tempo di sosta che rappresentano il semaforo rosso, segnali di stop, ecc.

Il cambio è al 7 giugno 2017

 

 

 

EUROTEST - QUANTO COSTA UNA CORSA IN EUROPA

Il test è stato completato con una analisi comparativa delle tariffe ufficiali applicate nelle 22 città esaminate, in base ai singoli regolamenti in vigore. E’ stato così calcolato il prezzo corrispondente ad un viaggio-tipo avente le seguenti caratteristiche:

tragitto di lunghezza pari a sette chilometri;

cinque minuti di stop in coda (ad esempio per traffico intenso o semafori, ecc);

un bagaglio trasportato.

I risultati hanno evidenziato una certa disparità tra le città prese in esame. In generale le città più “costose” sono risultate le città svizzere seguite da quelle del Nord Europa (Oslo, Rotterdam, Amsterdam), mentre le tariffe più basse sono state calcolate per Lisbona e Zagabria, seguite dalle città spagnole e Praga. Le tariffe di Zurigo sono state stimate pari a quattro volte quelle di Lisbona. Le città italiane tra le più “economiche”, con tariffe pari a meno della metà di quelle più care. Ovviamente tale risultato va rapportato ai livelli di qualità valutati durante il test. Si scopre così che le enormi differenze tariffarie tra la città più cara (Zurigo) e quella meno cara (Lisbona) non sono affatto giustificate, visto il migliore risultato di Lisbona, classificata “Buono” rispetto a Zurigo, valutata “sufficiente”.

 vai alla pagina

Città

Prezzi in €

Tipologia di servizio

  Zurigo

31,35  

 regolamentato

  Ginevra

28,77  

 regolamentato

  Oslo

25,56  

 regolamentato

  Rotterdam

22,24  

 liberalizzato

  Amsterdam

22,24  

 liberalizzato

  Lussemburgo

17,87  

 regolamentato

  Amburgo

17,45  

 regolamentato

  Monaco

17,20  

 regolamentato

  Berlino

16,23  

 regolamentato

  Bruxelles

16,10  

 regolamentato

  Lubiana

15,88  

 regolamentato

  Colonia

15,70  

 regolamentato

  Salisburgo

15,09  

 regolamentato

  Vienna

12,92  

 regolamentato

  Milano

12,18  

 regolamentato

  Roma

11,22  

 regolamentato

  Parigi

11,18  

 regolamentato

  Praga

10,93  

 regolamentato

  Barcellona

10,92  

 regolamentato

  Madrid

10,64  

 regolamentato

  Zagabria

8,59  

 regolamentato

  Lisbona

7,98  

 regolamentato

 

 

 

 

 

 

RICERCA - LE TARIFFE DEI TAXI NEL MONDO

Per sapere i costi e le strutture tariffarie dei taxi all'estero scarica

LE TARIFFE DEI TAXI NEL MONDO  840 KB aggiornata al 5 febbraio 2012

 

INTRODUZIONE

Spesso, negli organi d’informazione, si fa a gara a dire che le tariffe dei taxi in Italia sono tra le più care del mondo. Ci siamo “armati” di computer, biro, calcolatrice e tanta pazienza ed abbiamo svolto questa ricerca. Vediamo se è vero.

I dati, come si può vedere dalla citazione delle fonti, sono tutti facilmente verificabili, basta disporre di un computer con collegamento ad internet.

 

ALLEGATO

Per quel che riguarda le tariffe italiane (qui sotto alleghiamo le tariffe di Bologna, Firenze, Genova, Milano, Roma e Torino), dati alla mano, si può tranquillamente affermare che i prezzi sono “in linea” se non rispetto al resto del mondo, almeno all’Europa.

Il problema, a nostro avviso, riguarda la complessità d’interpretazione delle tariffe italiane (fatto salvo forse le città di Milano e Torino). Questo sicuramente va a discapito di un rapporto trasparente nei confronti dell’utenza. Le responsabilità, ovviamente, si dividono equamente tra tassisti ed amministratori.

Un altro elemento importante che emerge dalla ricerca è che all’estero la sosta all’ora è presente in tutte le fasce di tariffa (ricordiamo che la legge 21/92 non permette la sosta oraria nella tariffa extraurbana).

Inoltre, nei paesi scandinavi, il trasporto collettivo viene effettuato da mezzi da 5 ad 8 posti.

 

CONFRONTO

La ricerca riporta questi dati, non ci è dato a sapere se ve ne siano altri (ad esempio ulteriori supplementi ove non siano indicati).

Una volta raccolti i dati, abbiamo deciso di confrontarli tra loro.

E’ evidente che il confronto non può essere considerato come scientificamente provato, questo perché i dati non sono omogenei, sia per quel che riguarda le date di aggiornamento, sia per il fatto che si mettono a confronto tra loro tariffe le quali hanno una filosofia completamente diversa (ad esempio le tariffe tedesche partono con un chilometro alto per poi decrescere, viceversa, le inglesi crescono con l’aumentare dell’importo tassametrico).

Il confronto è utile per dare un’ idea di fondo.

Rispetto all'edizione del 2010, notiamo che gran parte delle tariffe mondiali hanno avuto un aumento. In alcuni paesi si è avuto un aumento basso (vedi in Francia, Spagna, Germania, Austria, Svezia e Danimarca) e solo la Gran Bretagna, nella fattispecie la città di Londra, ha avuto un aumento considerevole. In altri paesi le tariffe sono rimaste invariate rispetto al 2010, come prevalentemente negli Stati Uniti ad eccezione di Boston, l'Irlanda e la Svizzera. Merita un'osservazione il fatto che ci sono state due città le quali, rispetto al 2010, hanno diminuito la tariffa: la prima è Oslo che, seppur diminuita, è una delle tariffe più alte al mondo. L'altra città che diminuirà a partire dall'aprile 2012 è Amsterdam. Dopo i disastri della liberalizzazione selvaggia del 2000, peraltro certificati dal Governo olandese http://www.rijksoverheid.nl/onderwerpen/taxi, si sta cercando di correre ai ripari, o almeno, questa è l'interpretazione che diamo.

Inoltre non è stato preso in considerazione anche il costo della vita, per quello vi rimandiamo ai siti dell’Unione Banche Svizzere www.ubs.com della Mercer  www.mercer.com, e Price of Travel www.priceoftravel.com 

Come parametri abbiamo adottato quelli di un giorno feriale, di mattina (ad esempio alle ore 10), con una sola persona a bordo del taxi.

Le cifre sono espresse in Euro.

Buona lettura.

 

CONFRONTO GENERALE

 

CITTA'

SPOSTATA

A KM

ALL’ORA

ULTIMO AGGIORNAMENTO

SIDNEY

2,76

1,67

40,63

7/2011

VIENNA

2,50

1,30

27,00

2/2011

SALISBURGO

3,00

1,80

24,00

1/2009

BRUXELLES

2,40

1,60

30,00

n.d.

TORONTO

3,23

1,32

23,58

n.d.

COPENHAGEN

3,22

1,85

50,40

9/2011

HELSINKI

5,50

1,43

40,80

n.d.

PARIGI

2,40

0,96

30,33

1/2012

STRASBURGO*

1,90

1,54

26,00

1/2012

AMBURGO

2,80

1,93

25,00

8/2011

BERLINO

3,20

1,65

25,00

12/2010

COLONIA

2,65

1,65

24,00

4/2011

MONACO DI BAVIERA

3,30

1,70

24,00

n.d.

LONDRA

2,63

1,76

29,62

4/2011

MANCHESTER

2,75

1,30

21,31

4/2011

IRLANDA**

4,10

1,03

21,60

11/2008

LUSSEMBURGO

2,60

1,40

30,00

n.d.

OSLO

5,87

1,91

43,85

12/2011

AMSTERDAM***

2,50

1,83

21,00

4/2012

ROTTERDAM***

7,50

2,20

33,00

1/2008

LISBONA

2,00

0,45

14,80

1/2011

LUBIANA

1,00

1,90

30,00

n.d.

MADRID

2,15

1,00

19,50

n.d.

BARCELLONA

2,05

0,93

20,00

12/2011

BOSTON

1,98

1,32

21,34

n.d.

HOUSTON

1,90

0,88

15,24

7/2006

NEW YORK

1,90

0,94

18,29

7/2007

SAN FRANCISCO

2,66

1,29

25,15

7/2011

STOCCOLMA

5,06

1,02

47,80

11/2011

ZURIGO

4,98

3,15

57,28

10/2008

GINEVRA

5,23

2,65

49,80

n.d.

BOLOGNA

3,00

1,15

24,00

5/2008

FIRENZE

3,30

0,91

24,00

5/2008

GENOVA

5,00

0,90

24,00

4/2009

MILANO

3,20

1,03

26,86

7/2011

ROMA

2,80

0,92

23,70

1/2008

TORINO

3,50

1,05

25,20

n.d.